Carbone illude la Vis: l’Arzachena ribalta tutto e festeggia

Non riesce a ripartire la Vis Artena dopo lo stop con l’Afragolese. Il tanto atteso recupero contro l’Arzachena consegna infatti i tre unti all’undici sardo, cinico e fortunato negli episodi confermatosi però squadra tosta e ben disposta in campo dal tecnico Nappi. Una Vis alla quale non basta il sigillo di Carbone e che manca il pareggio sbagliando un penalty con Mastropietro. I ragazzi di Perrotti ci provano fino alla fine ma a spuntarla sono gli smeraldini. Venendo alla cronaca, ritmi da subito elevati al Comunale, ma a parte la grande intensità messa dalle due squadre sono pochi i reali pericoli corsi da Manni e Ruzittu. La Vis prova qualche imbucata da dietro ma è sempre attenta la retroguardia ospite a lasciare in offside le punte artenesi. Al 20’ arriva il guizzo per portarsi in vantaggio: Paolacci cerca Sordilli in profondità, l’ex Ostiamare si destreggia bene tra due difensori e mette dentro rasoterra, dopo un rimpallo la sfera diventa buona per Carbone che col destro la spedisce all’angolino alla destra di Ruzittu, che riesce soltanto a toccarla. É sterile la reazione dell’undici di Nappi che oltre a proteggere il possesso non riesce a dare l’ultimo passaggio. Alla mezz’ora azione da manuale della Vis che, partendo dalle retrovie, si distende a meraviglia mandando Sordilli al cross dalla destra; libera la difesa smeraldina. Al 37’ l’Arzachena impatta: Bellotti conquista un calcio di punizione da ottima posizione. In battuta si presenta Bonacquisti che trova un gran gol: tiro a giro a scavalcare la barriera che si insacca sotto l’incrocio dei pali. Nulla da fare per Manni. Tre minuti più tardi i sardi la ribaltano: Bonu carica il destro da fuori, Paolacci ci mette il piede ma la sfera diventa un cioccolatino per Sartor, che solo davanti a Manni non perdona. É 1-2 all’intervallo. Nella ripresa Perrotti prova a fare la partita ma è davvero complicato trovare varchi. Al 18’ Ruzittu smanaccia una punizione di Capodaglio, palla in zona Sfanò con il difensore che calcia in porta. Si salvano gli isolani quasi sulla linea. Al 27’ calcio di rigore per la Vis Artena con Carbone e Maini che vanno giù in area. Segnalato probabilmente il colpo subìto da quest’ultimo da Marinari a palla lontana. Sul dischetto si presenta Mastropioetro che incrocia il sinistro, Ruzittu capisce tutto e devia in angolo con un grande intervento. Nel finale Perrotti le tenta tutte mandando in campo anche Taviani e Di Vico, la sostanza però non cambia e l’Arzachena riesce a portare al triplice fischio un risultato pesantissimo per il discorso play off.
VIS ARTENA – ARZACHENA 1-2
VIS ARTENA Manni, Pompei (26’st Taviani), Capodaglio, Sfanò (41’st Di Vico), Paolacci, Mastropietro, Odianose, Maini, Carbone, Sordilli (26’st Catapano), Lucchese PANCHINA Chingari, Magliocchetti, Talone, Contucci, Negro, Raffin ALLENATORE Perrotti
ARZACHENA Ruzittu, Piga, Bonacquisti, Bonu, Loi (29’st Pinna), Sosa, Sartor (46’st Kacorri), Manca (34’st Doratiotto), Marinari (35’st Spanu), Rutigliano, Bellotti PANCHINA Giappone, Pellecchi, Mannoni, Mancini, Melis ALLENATORE Nappi
MARCATORI Carbone 20’pt (V), Bonacquisti 37’pt (A), Sartor 40’pt (A)
ARBITRO Piccolo di Pordenone
ASSISTENTI Ottobretti e Boubaker di Foligno
NOTE Rigore parato al 25’st da Ruzittu (A) a Mastropietro (V) Ammoniti Odianose, Lucchese, Bonacquisti, Marinari, Paolacci Angoli 5-4 Rec. 1’pt – 5’st